Tram Padova

I cantieri sono stati progettati per minimizzare quanto più possibile l’occupazione delle aree. La cantierizzazione è programmata per tratti, organizzando l’attività in fasi e sottofasi, per ridurre il più possibile i disagi per la cittadinanza. 

Inoltre, alcuni cantieri più impattanti, come ad esempio quelli in prossimità degli ospedali o delle vie ad altissima percorrenza, sono programmati nel periodo estivo, quando le scuole sono chiuse e la città è meno frequentata. 

Va ricordato comunque che nei prossimi due anni a Padova non ci saranno solo i cantieri del tram. Oltre a tutte le opere finanziate dal PNRR con oltre 644 milioni di euro, continuano infatti le manutenzioni ordinarie e straordinarie del patrimonio pubblico, a cui si aggiungono tutti gli interventi organizzati da altri enti e da soggetti privati. Si tratta di una situazione straordinaria, un periodo – quello fino al 2026 – che verrà ricordato per aver cambiato volto alla città. 

Per questo il Comune di Padova ha istituito un’apposita task force: un tavolo tecnico che ha il compito di analizzare tutti gli interventi e programmarli al meglio, per ridurre il più possibile i disagi. Il gruppo di lavoro – che coinvolge APS Holding, i settori interessati del Comune di Padova e all’occorrenza anche gli altri Comuni – si incontra periodicamente per valutare e organizzare gli interventi al meglio, sempre con l’obiettivo di ridurre al minimo i disagi per la cittadinanza.