Tram Padova

Sir2: presentati i progetti esecutivi per entrambi i lotti

31 Maggio 2024
ULTIMO AGGIORNAMENTO: 31.05.2024

Presto il via ai lavori.

Sono stati presentati questa mattina i progetti esecutivi del Sir2, redatti dalle aziende che si sono aggiudicate l’appalto dei due lotti ovvero ICM SpA, per il lotto da Rubano alla Stazione e Vittadello SpA per il lotto dalla stazione a Vigonza.
Alla presenza dei tre comuni coinvolti dalla linea tranviaria, di APS Holding e dei rappresentanti delle aziende, sono state presentate le novità contenute nei progetti esecutivi. Questi ultimi non si discostano molto dai definitivi, ma definiscono al meglio gli aspetti tecnici e i dettagli prima della cantierizzazione vera e propria.
La progettazione esecutiva è partita a inizio 2024, dopo l’aggiudicazione degli appalti al 16 novembre 2023, con 45 giorni di anticipo sulla scadenza del 31 dicembre fissata dal PNRR.
Da quel momento i due appaltatori, con i rispettivi progettisti, hanno avviato l’attività che si è conclusa nei 90 giorni definiti. Ora si è in fase di verifica e nel frattempo, come è noto, sono partite le operazioni propedeutiche come le bonifiche belliche e le indagini archeologiche, mentre le aziende si sono organizzate per avviare i lavori.


Di seguito le novità più rilevanti contenute negli esecutivi

  • LOTTO 1 OVEST RUBANO – STAZIONE (ICM)
    Lungo il tratto che va da Porta Savonarola a Corso del Popolo sono state rimodulate le fermate e la loro posizione, mantenendo una distanza di circa 400 metri tra una e l’altra.
    La fermata prevista in corrispondenza del Teatro Verdi è stata anticipata all’intersezione tra corso Milano e via San Pietro.
    La fermata prevista in Piazza Insurrezione è stata anticipata all’incrocio con via Dante, verso Porta Savonarola.
    La fermata in corrispondenza di Piazza de Gasperi, presente nella progettazione preliminare ma tolta nel definitivo, è stata re inserita, con l’eliminazione della fermata Trieste e la realizzazione di una fermata adeguata ai mezzi a quattro casse qualche metro più avanti.
  • LOTTO 2 EST STAZIONE – VIGONZA (VITTADELLO)
    Le principali novità contenute negli esecutivi di questo tratto sono legate agli sviluppo per la realizzazione del nuovo ospedale di Padova Est e riguardano il cosiddetto “baffo” dell’ospedale, ovvero la deviazione che la linea farà in corrispondenza del raccordo Ghandi per raggiungere il futuro polo. In fase di progettazione definitiva di SMART, l’ospedale non aveva ancora terminato la prima fase di progettazione. A seguito dell’approvazione da parte dagli enti competenti del progetto di fattibilità tecnico economica, i nostri progettisti si sono confrontati con chi ha redatto i progetti del nuovo ospedale ed è stato insieme stabilito di spostare la rotaia dal lato est al lato ovest di via Einaudi, dalla parte opposta della stessa strada, ed è stata rivista la geometria del capolinea. Il nodo dell’ospedale vede la compresenza di diversi enti del territorio e di diverse opere e necessita di un grande lavoro di coordinamento su più fronti.


Oltre a queste macro modifiche, in entrambi i lotti sono state apportate anche una serie di modifiche minori, a seguito dell’interlocuzione e del confronto con i Comuni coinvolti per raccogliere le esigenze emerse dai territori.

L’assessore alla mobilità del Comune di Padova commenta: “Oggi mettiamo un altro tassello fondamentale verso la realizzazione del Sir2 che da domani entra nel vivo. Un’occasione importante che abbiamo voluto condividere con le aziende che stanno affrontando con noi questa grande sfida, in un clima di grande impegno e fiducia reciproca verso la realizzazione degli obiettivi. Abbiamo definito alcune modifiche recependo ancor più rispetto a quanto già fatto con il dibattito pubblico le indicazioni del territorio. Spostare una fermata di pochi metri può sembrare una banalità ma non lo è: significa rivedere l’intero progetto, individuare spazi adeguati, fare rilievi ulteriori, ma lo abbiamo fatto con la volontà di continuare fino all’ultimo a migliorare il nostro progetto.”

Il sindaco di Vigonza commenta: “Oggi è un momento importante perché da qui inizia il vero lavoro per la realizzazione del Sir2. Sono due le questioni degne di nota per il nostro comune in questo esecutivo: innanzitutto conferma la nostra richiesta di spostamento e modifica del capolinea, recependo il confronto avuto con la cittadinanza. L’estensione della linea verso Capriccio sulla quale stiamo lavorando assieme alla Giunta porterà il tram fin quasi alla provincia di Venezia, facendolo diventare un vero sistema di trasporto pubblico metropolitano. Grazie ad APS e al Comune di Padova per aver migliorato insieme a noi il progetto sulla base delle richieste del territorio.”

L’assessore alla viabilità e ai lavori pubblici di Rubano commenta: “Siamo soddisfatti del procedere dei lavori per quest’opera che sogniamo da tempo e su cui lavoriamo da molto. Grazie al Comune di Padova, ad APS, alle imprese, con l’augurio e l’impegno affinché i lavori possano essere svolti senza particolari disagi, anche grazie al nostro costante lavoro di informazione.
Invito il Comune di Padova e la Provincia a iniziare a pensare alla gestione di questo mezzo e ai collegamenti con le altre frazioni e con il territorio, per rendere questo servizio ancora più valido ed efficiente per tutta la cintura.”

Il RUP del Sir2, Diego Galiazzo, commenta: “In questi primi mesi dell’anno c’è stato un intenso lavoro da parte dello staff di APS, con tutti i tecnici incaricati dalle aziende, che si è tradotto in quotidiani tavoli, sopralluoghi e riunioni di coordinamento, con l’obiettivo di andare nel dettaglio e risolvere tutte le criticità, sempre rispettando i tempi preposti. Un lavoro che si è svolto con la piena collaborazione da parte di tutti e con un costante e impegnativo confronto ed è doveroso un mio sincero ringraziamento. Abbiamo apportato delle modifiche non sostanziali ma che sono frutto del confronto con le amministrazioni, i cittadini e tutti gli enti che stanno lavorando per il grande cambiamento che Padova vivrà nei prossimi anni.”

Franco Simonetto, presidente ICM SpA, aggiunge: “La nostra grande attenzione all’ambiente e al territorio si trasferisce anche in questo progetto e voglio rassicurare sulle tempistiche: è una grande sfida ma la stiamo affrontando con grande collaborazione, un intenso lavoro e un dialogo fluido con il RUP. Abbiamo un programma di lavori ambizioso che organizzeremo con l’obiettivo di ridurre i disagi alla cittadinanza. In questo primo periodo, fino al prossimo anno, concentreremo i nostri lavori nella zona di Rubano e della Caserma Romagnoli, e nella tratta per arrivare alle porte di Padova.”

Il Consigliere di Amministrazione e Direttore Generale di Vittadello SpA Maurizio Trentin dichiara: “Entro un paio di settimane inizieremo i lavori alla stazione ferroviaria, una delle attività più invasive date le moltissime interferenze, che concentreremo in agosto per avere meno impatto possibile. Abbiamo già iniziato le opere propedeutiche alle officine della Guizza e con il mese di giugno inizieranno i cantieri anche in via Tommaseo e via Venezia. Il nostro obiettivo è la massima collaborazione nel ridurre al massimo i disagi verso la cittadinanza, lavorando in sinergia con le aziende dei sottoservizi, APS, le altre aziende che realizzano il tram e tutte le persone coinvolte.”

Il presidente di APS Giuseppe Farina conclude: “Il rispetto delle tempistiche imposte dal PNRR è il nostro obiettivo principale. Sono due le scadenze importanti: l’aggiudicazione dei lavori entro il 31 dicembre 2023 e la conclusione dei lavori entro il 30 giugno 2026. Per quanto riguarda la prima il 16 novembre scorso abbiamo aggiudicato i lavori, con largo anticipo rispettando il termine. Nonostante le modifiche che hanno interessato i percorsi di entrambi i lotti siamo in linea con il cronoprogramma che prevedeva a maggio la consegna degli esecutivi e ci incamminiamo verso la seconda scadenza fondamentale, il 2026.
Tutto ciò grazie all’ampia collaborazione con le amministrazioni coinvolte, al lavoro delle ditte, sempre solerti e puntuali e del RUP Galiazzo, instancabile lavoratore che conosce molto bene la sfida che abbiamo di fronte. Un grande ringraziamento a tutte le persone coinvolte e la mia più ampia soddisfazione. Buon lavoro a tutti per i prossimi, intensi, mesi.”

Categorie

Informazioni e aggiornamenti anche sul sito del Comune di Padova
Seguici su

Per ulteriori informazioni sulla viabilità

Contattare centrale operativa della Polizia Locale

Altre notizie

21 Giugno 2024
Da lunedì 24 giugno e fino a metà settembre chiude il Ponte Omizzolo. Prima di realizzare le vie di corsa sarà necessaria una manutenzione straordinaria dell’impalcato del ponte, che è una struttura a selle gerber: si procederà a rialzare la parte centrale del ponte, a riqualificare gli appoggi e a rinforzare l’impalcato stesso il quale verrà poi ricollocato nella posizione originale.
11 Giugno 2024
da lunedì 17 giugno si parte con i lavori in via Piovese. Quest’estate la linea Sir3 arriva nel quartiere di Voltabarozzo, in via Piovese. Dopo alcuni interventi sui sottoservizi necessari per completare il lavoro di riqualificazione delle rete idrica e di distribuzione del gas, dal 17 giugno partiranno i lavori per la piattaforma tranviaria.